Orientamento

Orientamento

Idee per il tuo futuro: dai tuoi interessi al mondo del lavoro

Obiettivo: analisi dati

Percorsi di studio e sbocchi professionali

L’analista di dati, o data analyst, raccoglie, analizza e interpreta dati di varia natura e provenienza, per descrivere fenomeni complessi, fare previsioni e supportare le decisioni strategiche. Per svolgere questa professione è necessario avere solide basi matematiche, statistiche e di programmazione.

Dal punto di vista delle opportunità di lavoro, oltre a essere una figura professionale molto ricercata nell’ambito ICT, trova impiego in varie società che devono prendere decisioni basate sui dati, come banche e assicurazioni, e negli enti che si occupano di analisi epidemiologiche e mediche, finanziarie, sportive, ingegneristiche e dei trasporti.

Opportunità di lavoro

Gli sbocchi professionali sono molti e la probabilità di impiego a breve periodo dopo la laurea è molto alta. I percorsi di studio possono essere molteplici, come vedremo. A titolo di esempio, tra le lauree più indicate figurano quelle di area informatica, tra cui quelle magistrali in Tecniche e metodi per la società dell’informazione (classe di laurea LM-91) e Ingegneria informatica (LM-32), entrambe con prospettive di impiego molto buone, come illustrato nella figura.

Tre esempi di professioni

Data driven economist: inquadra i problemi di analisi economica identificando dati e tecnologie in grado di fornire nuove chiavi di lettura o di valutazione dei fenomeni economici e sociali.
Data-driven decision maker: esercita funzioni manageriali di elevata responsabilità in imprese private e pubbliche, spesso con vocazione internazionale e con una forte componente tecnologica al proprio interno, utilizzando l’analisi dei dati per orientare le decisioni strategiche e operative.
Data intelligence analyst: integra le metodologie dell’analisi dati scientifica all'interno dei processi organizzativi e strategici delle grandi e medie aziende; in particolare, è in grado di gestire in modo efficiente processi e cicli produttivi nelle organizzazioni complesse, affiancando approcci orientati dai dati a sistemi più tradizionali.

Per scoprire i mestieri leggi anche:

Percorsi di studio

Per accedere alla professione di analista di dati sono possibili diverse strade. Per esempio, si può acquisire:

  • una laurea triennale in Scienze e tecnologie informatiche (L-31)*, Scienze matematiche (L-35), Statistica (L-41), Ingegneria dell’informazione (L-8), Scienze e tecnologie fisiche (L-30)
  • una laurea magistrale in Matematica (LM-40), Fisica (LM-17), Informatica (LM-18), Modellistica matematico-fisica per l’ingegneria (LM-44), Scienze statistiche (LM-82), Scienze statistiche attuariali e finanziarie (LM-83), Ingegneria delle telecomunicazioni (LM-27)

*Tra parentesi sono indicate le classi di laurea secondo la codifica ministeriale.

Da qualche anno alcune sedi universitarie hanno istituito corsi specifici per diventare analista di dati, come quelli elencati qui di seguito.

Percorsi di laurea triennale, professionalizzante o ciclo unico

Percorsi di laurea magistrale

Approfondimento realizzato in collaborazione con Talents Venture

Aggiornato al 21 marzo 2022

Analisi dati - percorsi di studio e prospettive occupazionali

Realizzato da Talents Venture, fonte dei dati: Almalaurea.